Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Messaggio di Commiato del Console Generale Iacopo Foti

Data:

24/09/2018


Messaggio di Commiato del Console Generale Iacopo Foti

La Plata, 24 settembre 2018


Cari connazionali, cari amici argentini,

nel momento in cui mi accingo a lasciare l’incarico di Console Generale d’Italia in La Plata per assumerne uno nuovo presso l’Ambasciata d’Italia a Caracas, desidero rivolgere un caloroso saluto ed un sentito ringraziamento a tutti coloro che, in questi quattro anni, hanno collaborato attivamente con questo Ufficio Consolare nei diversi ambiti di attività.

Durante questo periodo, insieme ai miei collaboratori, abbiamo innanzitutto cercato di assicurare la ordinata ed efficiente erogazione di tutti i servizi consolari nell’ambito di una circoscrizione molto estesa e che conta oggi quasi 100.000 connazionali residenti. Non è stato un compito facile, abbiamo però cercato di fare il massimo utilizzando al meglio le risorse umane e materiali a nostra disposizione, gli strumenti informatici e semplificando, a beneficio degli utenti, quanto più possibile le procedure, l’accesso e la fruibilità dei diversi servizi che, ad eccezione della cittadinanza, sono tutti erogati senza la necessità di prenotazione.

Contemporaneamente abbiamo cercato di fare di questo Consolato Generale il naturale punto di riferimento per la collettività e le istituzioni italiane creando momenti di incontro e di confronto con i referenti locali del mondo dell’economia e della cultura nonché con le Autorità locali, con l’obiettivo di favorire legami e collaborazioni e per promuovere la lingua, la cultura e le eccellenze del nostro Paese all’interno di tutta la vasta circoscrizione consolare.

In stretta collaborazione con l’Ambasciata a Buenos Aires e con le Autorità provinciali e municipali, abbiamo cercato di promuovere numerose iniziative in tutti i settori.

Nel biennio 2014-2015, nell’ambito dell’Anno dell’Italia in America Latina, abbiamo dedicato una parte importante del nostro lavoro all’organizzazione di numerosi eventi culturali che hanno avuto come protagonisti le più importanti espressioni artistiche dell’Italia contemporanea (musica, cinema, fotografia, letteratura, etc.). Nello stesso periodo abbiamo lavorato attivamente nella promozione dell’EXPO Milano 2015 presentando e spiegando adeguatamente l’evento presso i principali referenti del settore economico e produttivo di questa importante Provincia.

Nel corso del 2015 abbiamo promosso la creazione di un “Centro de Estudios Italianos” presso l’Istituto di Relazioni Internazionali (IRI) dell’Università Nazionale di La Plata (UNLP) attraverso il quale in questi anni abbiamo organizzato, coinvolgendo personalità italiane ed argentine, presentazioni, conferenze e seminari aventi ad oggetto i diversi ambiti delle relazioni bilaterali. Il centro, con cui ho avuto l’opportunità di collaborare attivamente in prima persona, è stato anche un importante veicolo di diffusione e promozione delle opportunità che offre il sistema universitario italiano nei confronti dei giovani che frequentano la seconda università pubblica della Repubblica Argentina.

Sempre nel corso del 2015 abbiamo sostenuto attivamente la realizzazione del “Festival de la Musica Italiana de La Plata” che quest’anno giunge alla sua quarta edizione e che progressivamente si sta consolidando come un evento di grande richiamo a livello nazionale e che convoca partecipanti da ogni angolo dell’Argentina. Si tratta del primo festival di questo genere in Sud America che mira valorizzare la lingua italiana attraverso la musica, nonché a scoprire nuovi talenti artistici cercando di generare un nuovo ponte culturale tra l’Italia e l’Argentina.

In questi anni, inoltre, abbiamo lavorato intensamente con tutte le istituzioni dedite all’insegnamento dell’italiano cercando di valorizzare il loro lavoro nel contesto locale, un lavoro estremamente prezioso per il nostro Paese e che permette di avvicinare le nuove generazioni alla nostra straordinaria cultura, contribuendo ad aggiornare una immagine forse ancora troppo ancorata al passato. Nel corso del 2016-2018, la lingua italiana è stata riconosciuta quale materia curriculare in diversi istituti educativi, si tratta di un risultato estremamente significativo che riafferma l’importanza del italiano nell’ambito del sistema educativo della Provincia di Buenos Aires. In questa occasione non posso che rinnovare un sentito ringraziamento a tutti i dirigenti delle varie scuole che hanno creduto nel progetto e che hanno lavorato affinché questo divenisse finalmente realtà.

Con riferimento alle richieste più volte manifestate da parte dei numerosi istituti educativi circa l’assenza all’interno della Provincia di Buenos Aires di un percorso di formazione qualificata per docenti di italiano, abbiamo più volte portato tale questione all’attenzione delle Autorità argentine instaurando con le stesse una dialogo costruttivo sul tema e segnalando come l’assenza di “profesorados” di italiano presso le principali università della Provincia costituisca un ostacolo alla diffusione della lingua italiana nella circoscrizione consolare che, a sua volta, impedisce di sfruttare a pieno le innumerevoli opportunità di cooperazione tra Italia ed Argentina nei diversi ambiti di attività.

Un momento particolarmente significativo del mio mandato è stato, senza dubbio, quello della proclamazione della città di La Plata quale “Capitale Provinciale dell’Immigrante Italiano” avvenuta durante un’emotiva cerimonia presso il Senato della Provincia di Buenos Aires. L’iniziativa, promossa dalla Federazione di Associazioni Italiane della Circoscrizione Consolare di La Plata (FAILAP) e fortemente sostenuta da questo Ufficio Consolare, ha reso un omaggio tangibile all'emigrazione italiana che ha caratterizzato la vita sociale, culturale ed economica della città di La Plata sin dalla sua fondazione, riconoscendone la 'specialità' all'interno del contesto della Provincia di Buenos Aires. Sono certo che questa legge provinciale sarà foriera di importanti iniziative che vedranno come protagonista la collettività italiana della città.

Sono stati quattro anni molto intensi ed impegnativi dei quali serberò certamente un bellissimo ricordo che mi accompagnerà nel proseguo della mia carriera. Voglio ringraziare tutti i collaboratori che si sono avvicendati presso il Consolato Generale in questi anni per aver reso possibili tutte queste attività ed il raggiungimento di questi risultati che abbiamo cercato di raccontare in questa pagina web ed attraverso la nostra pagina Facebook.

Sono certo che il collega che a breve mi succederà saprà continuare quanto iniziato con rinnovato slancio ed entusiasmo. A lui va il mio più sincero in bocca al lupo ed a tutti Voi i miei migliori auguri per l’avvenire.

Un carissimo saluto a tutti,


Iacopo FOTI

Console Generale d'Italia a La Plata


597